Invictus

Dalla notte che mi avvolge

Nera come una fossa senza fondo

Rendo grazie a qualunque Dio ci sia

Per la mia anima invincibile.

Nella morsa feroce delle avversità

Non mi sono tirato indietro nè ho urlato.

Sferzata a sangue dalla sorte

Non si è piegata la mia testa.

Al di là di questo luogo di rabbia e lacrime

S’intravede solo l’orrore della fine

Ma la minaccia degli anni

Mi trova, e mi troverà sempre, imperturbabile.

Non importa quanto angusta sia la porta

Quanto impietosa la sentenza

Sono il padrone del mio destino

Il capitano della mia anima.

William Ernest Henley

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.